Emocromo

PDF Stampa E-mail
(0 voti, media 0 di 5)
Rubriche - Capire le analisi
Scritto da Andrea Giaccari   

emocromo

L'emocromo (noto anche come esame emocitometrico) è uno degli esami di laboratorio maggiormente richiesti ed è considerato il test di base per tutte le indagini ematologiche. È in grado di fornire molte informazioni sullo stato di salute determinando la quantità delle cellule del sangue (i globuli rossi, i globuli bianchi e le piastrine) e numerosi altri parametri importanti, tra cui i più noti sono l’emoglobina e l’ematocrito. è un esame semplice da effettuare, poco costoso, ma è una fonte preziosa di informazione ed importante anche per chi pratica un'attività sportiva.

Leggendo un referto di un emocromo vi sarete trovati di fronte ad una serie di sigle sconosciute, di seguito cercheremo di fare un po’ di chiarezza.

provetteI globuli rossi, chiamati anche eritrociti, e presenti su un referto con la sigla GR o RBC (Red Blood Cells), sono le cellule del sangue deputate al trasporto dell’ossigeno. Hanno una vita media di circa 120 giorni e i valori normali sono per i maschi 4,4-5,9 milioni/mL e per le femmine 3,8-5,3 milioni/mL. Le situazioni in cui vi è un aumento del numero dei globuli rossi oltre questi valori si indicano con il termine di poliglobulia o policitemia e possono essere espressione di patologie più o meno severe del sangue.

I globuli bianchi, chiamati anche leucociti, e individuabili con la sigla GB o WBC, White Blood Cells, sono le cellule del sangue deputate alla risposta immunitaria. I valori normali vanno da 4,3 a 10 mila/mL e se ne distinguono 5 tipi, presenti in concentrazioni diverse che vanno a costituire la cosiddetta “formula leucocitaria”: granulociti neutrofili (1800-7700/mL), granulociti eosinofili (0-450/mL), granulociti basofili (0-200/mL), linfociti (1000-4800/mL), monociti (0-800/mL). Un aumento del numero dei globuli bianchi viene indicato con il termine di leucocitosi, mentre una riduzione si chiama leucopenia.

Le piastrine, solitamente indicate con la sigla PLT (in inglese platelets), sono le cellule più piccole del sangue e sono deputate ai processi di coagulazione. I valori normali vanno da 150.000 a 400.000 per dL. Un aumento del numero delle piastrine si indica con il termine di piastrinosi, e si può osservare in caso di malattie ematologiche o come conseguenza di emorragie, anemia ecc. Una diminuzione si indica con il termine di piastrinopenia e si può osservare in caso di malattie ematologiche, infezioni, alcuni farmaci ecc.

GlucoMenREADY ADV

Oltre a fornire il numero delle cellule del sangue l’emocromo ci fornisce altri parametri importanti tra cui:

L’emoglobina (indicata con la sigla Hb), che è una proteina presente nei globuli rossi che svolge la funzione di trasporto dell'ossigeno. I valori normali sono nei maschi 13-17 g/dL e nelle femmine 12-16 g/dL. Una riduzione dei valori dell’emoglobina si definisce anemia.

L’ematocrito che misura la parte corpuscolata (costituita principalmente da globuli rossi) del sangue, in percentuale rispetto al volume totale del sangue.

Altri parametri meno noti, ma importanti che troverete su un emocromo sono:

MCV (Mean Corpuscolar Volume) che indica il volume corpuscolare medio dei globuli rossi (valore normale 80-99 FL (femtolitri) nell’uomo e 80-100 FL nella donna) e in base al valore discrimina le anemie in normocitiche (con volume dei globuli rossi normale), microcitiche (con volume dei globuli rossi ridotto) e macrocitiche (con volume dei globuli rossi aumentato).

MCH (Mean Corpuscolar Hemoglobin) e che indica contenuto medio di emoglobina dei globuli rossi e distingue le anemie in ipocromiche (con ridotto contenuto di emoglobina) e normocromiche (con normale contenuto di emoglobina).

MCHC (Mean Corpuscolar Hemoglobin Concentration) indica la concentrazione media di emoglobina nei globuli rossi. Valori normali: 27-34 pg (psicogrammi).

RDW (Red Cell Distribution Width) indica l’ampiezza di distribuzione dei volumi dei globuli rossi, cioè quanto sono uguali tra di loro i volumi dei globuli rossi e quanto più è alto, tanto maggiore è la disomogeneità. I valori normali vanno tra l'11 e il 17%.

 

app

GLUNews su Play Store  app store badge

banner-laterale

Trova il CAD più vicino

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

La Community di GLUNews

Scopri tutti i vantaggi di far parte della community di GLUNews. Clicca qui

cucina banner

Con il patrocinio di

AID banner

Con il contributo informativo di

logo ANSA

GLUNews consiglia